Benvenuto!

 

Siamo alla ricerca di tutti coloro che sono alla ricerca. Siamo alla ricerca di tutti coloro che hanno trovato... Se ti piace capire, se ti piace cantare o suonare... Se ti piace stare in compagnia... Se ti piace organizzare... Se ti piace anche solo "essere" così come sei, vieni a trovarci! 

 

I nostri culti:

Ottaviano, Via Trappitella, 43:

Sabato, ore 17.00.

Albanella, Via Risorgimento:

Domenica, ore 9.00.

Salerno, Via Manzella 27:

Domenica, ore 11.30.

Gruppi Biblici Domestici

E' un'opportunità realizzare un breve momento di lettura biblica e di preghiera insieme a persone della Comunità ed è anche un'occasione per invitare amici e parenti interessati e offrire loro uno spazio di confronto con la Parola di Dio. Gli incontri hanno luogo il martedì ore 17 a Salerno; il giovedì alle ore 17 ad Albanella e il venerdì ore 20,30 a Salerno.

Per ospitare un incontro telefonare a Pierluigi Sodano (3934607698) per Salerno e a Vittorio Turriziani (3396226663) per Albanella.

Appuntamenti

Gruppi Biblici Domestici: Sono aperte le prenotazioni. Richiedete un incontro a casa vostra: Mercoledì ore 17 ad Albanella; venerdì ore 17 e/o ore 20,30 a Salerno e dintorni.

Mercatino artigianale solidale. Tutti i sabati e le domeniche dal 30 novembre al 22 dicembre in Via Manzella, Salerno.

Culto ecumenico d'Avvento. Domenica 15 dicembre, ore 11,30 a Salerno (Via Manzella).

Festa dell'Albero. Sabato 21 dicembre, ore 18 a Salerno (Via Manzella).

 

Il Vangelo della Domenica

In quei giorni venne Giovanni il battista, che predicava nel deserto della Giudea, e diceva: «Ravvedetevi, perché il regno dei cieli è vicino». Di lui parlò infatti il profeta Isaia quando disse: «Voce di uno che grida nel deserto: "Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri"».

Giovanni aveva un vestito di pelo di cammello e una cintura di cuoio intorno ai fianchi; e si cibava di cavallette e di miele selvatico. Allora Gerusalemme, tutta la Giudea e tutto il paese intorno al Giordano accorrevano a lui; ed erano battezzati da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati.

Ma vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: «Razza di vipere, chi vi ha insegnato a sfuggire l'ira futura? Fate dunque dei frutti degni del ravvedimento. Non pensate di dire dentro di voi: "Abbiamo per padre Abraamo"; perché io vi dico che da queste pietre Dio può far sorgere dei figli ad Abraamo. Ormai la scure è posta alla radice degli alberi; ogni albero dunque che non fa buon frutto, viene tagliato e gettato nel fuoco. Io vi battezzo con acqua, in vista del ravvedimento; ma colui che viene dopo di me è più forte di me, e io non sono degno di portargli i calzari; egli vi battezzerà con lo Spirito Santo e con il fuoco. Egli ha il suo ventilabro in mano, ripulirà interamente la sua aia e raccoglierà il suo grano nel granaio, ma brucerà la pula con fuoco inestinguibile». (Matteo 13, 1-12)

RADIO RAI UNO

Culto Evangelico

Domenica 8 dicembre, su Radiouno RAI alle 6.35, la trasmissione “Culto evangelico” propone una predicazione di Alessandro Spanu, un Notiziario dal mondo evangelico e la rubrica “Il cammino verso l’unità” di Luca Maria Negro.

TELEVISIONE RAI DUE

PROTESTANTESIMO

Nella notte tra martedì 3 e mercoledì 4, su RAIDUE all’1.50, replica della puntata di “Protestantesimo” dal titolo “C’è posto per Dio?”.

Iscriviti alla nostra NewsLetter

Ti invitiamo ad aggiungerti alla nostra mailing list e riceverai le nostre emails con news, eventi, inviti speciali, corsi, riflessioni bibliche

 Una parola per te

 

Riflessioni sul testo biblico

a cura del

pastore Antonio Squitieri

Vivere in pace

 

Se siete interessati ad ascoltare altre riflessioni andate a visitare la sezione del sito PUBBLICAZIONI:

Una parola per te.

Per tutti gli approfondimenti siamo a disposizione.

I perché della nostra fede

 

 

Un video per trasmettere il senso della nostra fede cristiana a tutti, in modo nuovo e aperto. Con frasi e gesti molto semplici, amici e membri delle chiese valdesi e metodiste spiegano il perché della loro fede e ci raccontano cosa significa per loro il Padre Nostro. 

 

 

Pubblicazioni

 

 

4^ numero 2018 della Circolare

"La Comunità" informazione locale

 

 

Collegamenti di interesse

 

 

Il regno dei cieli, luogo di risposte e di liberazione

Il Natale nelle scuole non diventi luogo di propaganda

Cec. La «Famiglia Umana» al centro

Il Signore è sempre una forte rocca

Quale futuro per l'ecumenismo?

Agenda evangelica ed ecumenica

 

 

 

COP25 sul clima: «necessaria una risposta globale e multilaterale»

Si è aperta il 2 dicembre a Madrid la COP25, Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici, con l’obiettivo di adottare regole precise per l’attuazione dell’Accordo di Parigi sul clima sottoscritto nel 2015, che impegna i Paesi a ridurre le proprie emissioni a partire dal 2020, per stabilizzare le concentrazioni di gas serra nell’atmosfera e per contenere il riscaldamento globale al di sotto dei 2°C rispetto ai livelli preindustriali.

Per circa due settimane, la Conferenza riunirà migliaia di scienziati, uomini d’affari, rappresentanti istituzionali, organizzazioni non governative e governi di tutto il mondo che parteciperanno agli incontri ufficiali e alle negoziazioni dei paesi così come a presentazioni di relazioni scientifiche o eventi di ONG.

«Nonostante le evidenze scientifiche, e anche l’esperienza diretta, i Governi sembrano prigionieri dei tempi e dei modi della economia globalizzata e questo penalizza l’attuazione della parte dell’Accordo di Parigi che invita i Paesi ad indicare l’impegno in termini di mitigazione adattamento» ha detto Antonella Visintin coordinatrice della Commissione Globalizzazione e Ambiente (Glam) della Federazione delle chiese evangeliche in Italia (Fcei).

La Glam nasce per sensibilizzare le chiese sui problemi che l’ingiustizia economica e la distruzione della terra pongono al mondo, e in particolare alla fede cristiana, e dal 2001 lavora alla diffusione delle iniziative internazionali ed alla promozione di iniziative nazionali, il più possibile in ambito ecumenico, per sensibilizzare sul cambiamento climatico.

«Ricordiamo che l’Italia si presenta a Madrid con un simbolico Decreto clima che stanzia circa 350 milioni, in parte spalmati su più anni, che include corsie preferenziali per il trasporto pubblico locale, riforestazione urbana, educazione ambientale nelle scuole – che le associazioni fanno già da trent’anni! -, "green corner" nei negozi. La tassa sulla plastica probabilmente non passerà per non disturbare il mercato dell’usa e getta. La rimozione dei sussidi pubblici alle energie fossili non è neanche in agenda» ha proseguito Visintin.

La coordinatrice della Glam ha ricordato anche che nel corso dell’ultima sessione del suo comitato centrale, il Consiglio ecumenico delle chiese (Cec) ha espresso una dichiarazione sul clima in cui si sottolinea l’importanza di tenere insieme gli obiettivi di sostenibilità ed equità, e garantire che i costi della transizione verso un’economia a emissioni zero non siano sostenuti da coloro che hanno già poche risorse. In altre parole, non può esserci una vera transizione senza giustizia socio-economica.

«E’ necessaria una risposta globale e multilaterale alla sfida climatica» ha concluso Visintin. (Riforma)

@tutti i diritti riservati by Chiesa Metodista di Salerno

  • Facebook App icona
  • Twitter Square
  • YouTube Classic
  • credit.png
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now